EN
Cerca
  • Chiara Proietto

Cosa vedere a Randazzo, il borgo magico tra la sciara nera ai piedi dell’Etna

Aggiornamento: 27 lug 2021

Ecco il più bel paese etneo, città del vino e della pietra lavica. Scopriamo insieme cosa vedere a Randazzo, borgo medievale e punto strategico anche per visitare l'Etna. Inizia il tuo viaggio!


Basilica di Santa Maria, Cosa Vedere a Randazzo
La Basilica di Santa Maria e la Vara sullo sfondo. Fabio Illuminato Fazio

Si trova ai piedi dell’Etna, è di origini medievali ed è circondato dalla sciara nera.

Hai capito di che posto stiamo parlando? Oggi ti presentiamo il più bel paese etneo, Randazzo, che sbuca silenzioso tra il fiume Alcantara e il Vulcano.


Se siamo di parte non sappiamo dirtelo. Sappiamo solamente che, non solo visitarlo, ma anche arrivarci ha il suo fascino.

Fare il suo ingresso, soprattutto dalle strade secondarie, ci trasporta ogni volta dentro ad una fiaba: da un’entrata (dalla SS 116) la vista panoramica sul quartiere Latino e il fiume, dall’altra (da Via Nazionale) l’ingresso da un’antica porta delle mura di cinta che ci conduce al quartiere Lombardo. Un altro quartiere sta in mezzo a questi, quello dei Greci; è l’insieme di questi tre originari popoli che ha portato alla fondazione della nostra città.


Insomma, da qualsiasi parte tu abbia fatto ingresso, ecco cosa vedere a Randazzo secondo Tripnacria!



1. Gli antichi campanili


La bellezza di questo borgo è disarmante non solo per chi, come te, accorre ad apprezzarla, ma anche per chi, come noi, questo posto lo vive e lo sente ogni giorno.

Sì, perché Randazzo è un paese che si fa sentire con le orecchie e con il cuore, un paese dove ancora il tempo è importante.

Ad ogni quarto d’ora, infatti, antichi campanili sprigionano la voce soave di coloro le quali, da sempre e ancora oggi, scandiscono i minuti e le ore con scrupolosità e annunciano le feste.

Non solo.

Una storica funzione, risalente al dopoguerra, persiste ancora. Ogni giorno un richiamo di sirena si espande in tutto il borgo a delle ore ben precise: alle 8, a mezzogiorno, alle 13 e alle 17, ore che segnavano in passato l’inizio e la fine delle giornate di lavoro in campagna.

Aguzza le orecchie: ti sarà impossibile non sentirlo!


POSIZIONE GOOGLE MAP (campanile)


Campanile di San Martino, Cosa vedere a Randazzo
Campanile di San Martino a Randazzo. Elia Priolo

2. La pietra lavica


È facile capirlo: Randazzo è proprio la città della pietra lavica. Questa è costantemente presente in tutto il centro storico e sembra voler ricordare a