top of page
EN
  • Immagine del redattoreChiara Proietto

Consigli per visitare Favignana: 5 cose da fare per vivere al meglio l'isola

I nostri consigli per visitare Favignana e goderti l’isola più grande delle Egadi a 360°: dalla scelta del periodo giusto a quella delle cose da fare più autentiche.


Consigli per visitare Favignana
Consigli per visitare Favignana

Bastano circa 30-40 minuti di navigazione da Trapani per raggiungerla, e già durante il tragitto potrai sentire quella piacevole sensazione che ti suggerisce di stare per arrivare in uno dei luoghi più felici del mondo.


Dicono che il blu e le sue sfumature trasmettano calma, serenità e pace, e Favignana di blu ne ha da vendere. Non è un caso che una delle sue spiagge sia stata eletta come la più bella d'Italia e neppure che noi di Tripnacria siamo sempre alla ricerca di una buona scusa per ritornarci e goderci appieno l'atmosfera unica che aleggia su questo fazzoletto di terra a forma di farfalla, così rilassante e vibrante allo stesso tempo.


Tuttavia, se stai pensando di organizzare un viaggio a Favignana per goderti ogni centimetro di quest'isola, le cui fotografie spopolano ogni estate sui Social, allora forse dovresti fermarti un attimo e tenere in considerazione un paio di cose.



Organizzare un viaggio a Favignana: 5 consigli utili dai local


Tra le tre isole dell'arcipelago delle Egadi la più nota e visitata è Favignana. Quest'isola meravigliosa, dove la luce assume le mille sfumature di giallo e arancio che entrano in contrasto con i colori del mare, è il luogo perfetto se cerchi una destinazione dove trascorrere qualche giorno da vivere lentamente, scordandoti del tempo che passa e delle mille cose da fare che ogni giorno riempiono la quotidianità.


Per poter tornare a casa con un ricordo speciale di questa terra, però, vogliamo lasciarti 5 consigli per visitare Favignana che siamo certi potranno fare la differenza tra una vacanza "bella, ma nulla di che" e una davvero indimenticabile.



Scegli il periodo giusto


É vero: è impossibile resistere alla tentazione di visitare Favignana in piena estate e lasciarsi accarezzare dalle acque straordinariamente blu che bagnano le sue incantevoli calette. É però altrettanto vero che mesi quali luglio e agosto, specie la settimana che include il Ferragosto, sono spesso i più gettonati dai turisti che prendono d'assalto l'isola, rendendo quasi impossibile vivere un'esperienza più intima e personale.


Se la tua idea è quindi quella di esplorare in lungo e in largo Favignana lontano dalla folla, bè, allora pensiamo proprio di suggerirti di lasciar perdere il pensiero di farlo durante le ferie agostane. Opta piuttosto per mesi come aprile, maggio o giugno, o ancora settembre e ottobre: il clima è molto piacevole e, se l'annata è quella giusta, potrai anche fare il bagno in tutte le cale più belle di Favignana.


Visitare Favignana fuori stagione
Visitare Favignana fuori stagione

Il vantaggio di viaggiare fuori stagione non sta solo nell'assenza della folla dei turisti, ma anche e soprattutto nei prezzi di alloggi ed esperienze che tendono ad abbassarsi.

Tieni comunque in considerazione che se decidi di partire in ottobre potresti non trovare più disponibili per esempio le escursioni in barca: molti operatori, infatti, sono attivi solo nel periodo estivo.


In ogni caso, quando diamo vita a un itinerario personalizzato a Favignana noi di Tripnacria facciamo il possibile per provare a garantire questa esperienza ai viaggiatori come te, anche fuori stagione.



Scegli le attività più immersive


Vogliamo che tu te lo metta in testa: Favignana non è solo tour in barca. Vivere l'isola a bordo di un'imbarcazione è di certo bellissimo e rilassante, ma se vuoi davvero scoprire la parte più autentica di quest'isola e conoscerla fino in fondo, scegli anche di vivere esperienze diverse e vai alla ricerca di attività meno turistiche e più immersive.


Sull'isola ci sono moltissimi professionisti che propongono esperienze diverse dai classici giri turistici. Abbiamo conosciuto persone speciali che amano quest'isola e che cercano ogni giorno di proporla sotto una nuova luce, di raccontarla al meglio e di valorizzarla il più possibile.


Cave di tufo a Favignana
Cave di tufo a Favignana

Oltre ad andare per mare, potrai pedalare tra i sentieri che portano ai punti panoramici più belli di Favignana e rincorrere il tramonto, potrai camminare alla scoperta dei suoi luoghi più iconici, avventurarti tra le sue acque pagaiando o immergendoti tra i giardini di posidonia, o ancora semplicemente passeggiare tra le sue vie e andare in spiaggia di primo mattino, quando in giro non c'è praticamente quasi nessuno.



Non fermarti alle spiagge


Ti abbiamo già accennato che a Favignana c'è una spiaggia che è stata eletta la più bella d'Italia (da Skyscanner). Se ti stai chiedendo quale sia, è Cala Rossa. Quest'ultima è stata riconosciuta anche da TripAdvisor come tra le più belle d'Europa, aggiudicandosi la settima posizione. Ma non è di questo che vogliamo parlarti, anzi.


Ciò che vogliamo proprio consigliarti è di non fermarti al mare, alle spiagge. Sono tante le cose da vedere che infatti meritano di rubare del tempo alla vita da bagnante.


Ex stabilimento Florio a Favignana
Ex stabilimento Florio a Favignana

C'è l'ex stabilimento Florio, c'è il Castello di Santa Caterina, ci sono le famosissime cavità di tufo e i giardini ipogei, e c'è l'incanto di un piccolo centro abitato il cui porto è una vera cartolina. Dalla Sicilia, ovviamente.



Assapora ogni piatto tipico


Il tripudio di colori e di profumi che pervade Favignana potrai trovarlo anche nei piatti della cucina locale.


Nell'immancabile viaggio culinario che ogni viaggiatore che si rispetti dovrebbe compiere a Favignana, l'odore aromatico del rosmarino, il sapore piacevolmente amarognolo del cappero, la fragranza del pane cunzato o i mille colori del couscous sono solo alcune delle fermate alle quali si dovrebbe scendere una volta a bordo del treno dei sapori (scusa per il tocco prezioso che abbiamo voluto dare a questo concetto, ci siamo lasciati coinvolgere dai golosi ricordi del nostro viaggio passato).


Tra le gli ingredienti che non possono mancare nei piatti tipici favignanesi troverai poi l'aragosta, le sarde e il pesce azzurro, la ricotta e il tonno, qui proposto in infiniti modi, dalle polpette agli spaghetti, dal couscous al kebab. E se vuoi addolcirti il palato, non rinunciare ai tradizionali cannoli e alle deliziose cassatelle.



Abbandona ogni distrazione


Questo è forse il consiglio al quale teniamo di più. Sappiamo che una volta a Favignana è difficile resistere alla tentazione di scattare qualche foto in uno dei tanti luoghi instagrammabili dell'isola per postarla sui Social, e attendere quanti like quel posto straordinario è in grado di accumulare. Ma ascoltaci: NON DEVI FARLO.


Prendi la tua vacanza a Favignana come un modo per staccare la spina da tutto, abbandona ogni distrazione, togli la suoneria dal telefono e disattiva tutte le notifiche. Sei qui per goderti le bellezze che quest'isola è pronta a condividere con te, per riconnetterti con la natura e lasciarti travolgere dalla serenità che i colori di questa terra sono in grado di trasmettere.


Il tramonto e il Castello di Santa Caterina
Il tramonto e il Castello di Santa Caterina

Cerca quindi di ritagliarti del tempo per te e te soltanto, alla vita sui Social potrai pensarci una volta tornato a casa. In fondo, non capita tutti i giorni di ritrovarsi su un'isola così bella e avvolgente!





Altri articoli sulla Sicilia Occidentale:

 

Se questo articolo ti è stato utile, metti un like (te ne saremo grati) e condividilo con i tuoi amici.

Comentarios


bottom of page