EN
Cerca
  • Chiara Proietto

Cosa vedere a Caltagirone, signora policroma di Sicilia

Aggiornato il: feb 25

Caltagirone è una delle città del Val di Noto tra le più colorate e vivaci. Scopri con Tripnacria le 10 cose da vedere a Caltagirone e dintorni, tra arte, storia, natura e qualche golosità.


10 cose da vedere a Caltagirone
Caltagirone, la città della ceramica

Il giallo del sole, l’azzurro del cielo, il verde dei boschi, il rosso, il bianco e il timido arancio dei fichi d’india: tra le città più colorate di Sicilia non può di certo mancare all’appello Caltagirone.

A metà tra la Piana di Gela e quella di Catania, il suo centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità insieme a quello delle altre città del Val di Noto.


A contraddistinguere questa cittadina è la sua tradizione artistica millenaria della lavorazione della ceramica che allieta con le sue decorazioni gran parte delle costruzioni monumentali della città, irradiando in ogni dove tutti i colori della Sicilia.


Pronto a scoprire con Tripnacria le 10 cose da vedere a Caltagirone?

1. La Scalinata di Santa Maria del Monte


Se resisterai alla fatica, i 142 gradini di maioliche siciliane faranno per te. Simbolo inconfutabile della città, la Scalinata di Santa Maria del Monte si eleva fino al centro storico collegando la parte antica della città a quella nuova. Sono due i momenti magici per meglio ammirare la scalinata. Il 24-25 luglio e il 14-15 agosto, la scalinata viene illuminata da 4000 coppi di luci tremule che, posizionati lungo tutta l’area, danno vita ad un disegno suggestivo. A maggio, invece, si celebra la primavera con l’Infiorata; l’intera scalinata viene cosparsa di fiori che decorano incomparabilmente ogni gradino.


POSIZIONE GOOGLE MAP


La Scalinata di Santa Maria del Monte a Caltagirone infiorata
Scalinata di Santa Maria del Monte

2. Il Museo della Ceramica


Il Museo delle Ceramiche di Caltagirone è secondo in Italia dopo quello di Faenza ed ospita una raccolta di circa 2.500 reperti, dal IV millennio a.C. fino ad oggi. Ci si può entrare dopo aver attraversato il Teatrino, una scalinata decorata con piastrelle in maiolica; un' accoglienza, oltre che bellissima, molto raffinata non credi? Il museo consta di 7 sale dove sono esposte ceramiche tra le più variegate: siceliote, preistoriche, greche, bizantine, medievali, rinascimentali, barocche.


POSIZIONE GOOGLE MAP



3. La Cattedrale di San Giuliano


La Cattedrale di San Giuliano con il suo maestoso campanile è sita proprio nel cuore dell'abitato. La sua edificazione risale al periodo Normanno, ma in seguito ad un violento terremoto del 1542, subì molteplici danni tra i quali il crollo del campanile, riparato in seguito. A contraddistinguerla ci pensano lo stile liberty floreale, l'imponente cupola rivestita in ceramica e la torre campanaria di 48 metri di altezza. L'interno della chiesa custodisce numerosi affreschi, una statua lignea del Cristo morto e le reliquie della Beata Lucia da Caltagirone.


POSIZIONE GOOGLE MAP


Panoramica di Caltagirone, Caltagirone cosa vedere
Panoramica di Caltagirone con la Cattedrale in risalto

4. I Carruggi


Non solo chiese e musei: la storia di Caltagirone ruota anche attorno ai Carruggi che, seppur silenziosi, ci raccontano vicende antiche. Potrai trovarli nella parte vecchia della città e riconoscerli sarà piuttosto semplice: se vedrai veri e propri labirinti, stretti e intricati, ricchi di vicoli e scale, non puoi sbagliarti, sono loro. Questi percorsi risalgono alla prima metà dell’anno 1000 e furono creati per sfuggire ai nemici dai genovesi, qui sbarcati, nel periodo di conquista araba. Furono proprio i genovesi a liberare Caltagirone dal dominio straniero e per questo i calatini avrebbero inglobato nel simbolo della loro città la croce di San Giorgio, originaria della Repubblica di Genova.



5. Il Giardino Comunale


Il giardino comunale di Caltagirone è stato proclamato uno dei 10 giardini più belli d'Italia. In stile inglese, è arricchito da una variegata vegetazione e da viali alberati. Entrare in questo giardino significa entrare anche nel cuore della tradizione artigiana della città visto l'utilizzo della terracotta e della maiolica locale: troverai arte intrinseca in tutte le opere qui presenti quali fontane, statue, fioriere e terracotte. Presta attenzione al Palchetto della musica, alle Quattro stagioni rappresentate da figure femminili e alla Balconata in stile liberty floreale: veri gioiellini.


POSIZIONE GOOGLE MAP



6. I Presepi di Caltagirone


Caltagirone è nota anche per i suoi originali presepi che nel periodo natalizio attraggono numerosi visitatori. I maestri artigiani calatini si danno da fare per produrre statuine volte ad allestire i presepi nel centro storico; una tradizione che si protrae da secoli e che ancora oggi è viva e sentita dagli abitanti del paese. Tra i materiali scelti per la loro creazione ne troverai di originali e impensabili: argilla, pietra lavica, sale, pasta, terracotta, stoffa, cotone, plexiglas; troverai anche presepi provenienti da tutto il mondo. Un evento fuori dall'orinario.


POSIZIONE GOOGLE MAP


Presepi di Caltagirone, cosa vedere a Caltagirone
I Presepi di Caltagirone

7. Il Tondo Vecchio


Un altro simbolo di Caltagirone potrebbe essere considerato dal punto di vista storico anche il Tondo Vecchio. Forse non troppo valorizzato, forse poco conosciuto ai più, ma questo belvedere semicircolare ci offre decorazioni e cornici in pietra davvero uniche nel loro genere. Fu costruito nella seconda metà del '700 come elemento puramente decorativo volto a collegare la città all'altopiano. All'interno della struttura sarebbero ancora visibili gli originari stemmi della città e la Trinacria del Regno di Sicilia. Prova scovarli!


POSIZIONE GOOGLE MAP


Tondo Vecchio Caltagirone
Tondo Vecchio di Caltagirone

8. La Necropoli della Montagna


Ore da archeologo saranno quelle che trascorrerai una volta giunto nella zona nord di Caltagirone! Infatti la cittadina pullula tutt’intorno di aree archeologiche e, in particolare, a nord potrai trovare "La Montagna". Questa è caratterizzata da una serie di piccole alture che ospitano circa 1500 tombe preistoriche a grotticella scavate nella roccia. Esplorazioni e scavi hanno portato alla luce numerosi oggetti riconducibili al periodo miceneo quali spade in bronzo e anelli d'oro. Nel vano tombale, infatti, erano presenti nicchie scavate per deporre gli oggetti dei defunti. Insomma, passare da qui ti riporterà dritto dritto all'età del Bronzo.


POSIZIONE GOOGLE MAP



9. La Riserva Naturale Orientata Bosco di Santo Pietro


Se ne hai abbastanza della vita in città, troverai la tua pace ideale a 20 km da Caltagirone, nei pressi del borgo Santo Pietro dove si estende l'omonima riserva naturale. Si tratta dell'aerea verde più estesa e rigogliosa del calatino, ricca di vegetazione, cascatelle e qualche sorgente d'acqua. È il luogo ideale per lunghe e rilassanti passeggiate immersi nella natura soprattutto in primavera, quando si possono ammirare gli alberi in fiore, o in autunno, quando il tutto è circondato dai mille colori caldi di stagione.


POSIZIONE GOOGLE MAP



10. Il Fico d’india di San Cono


Seppur la monarchia sia tramontata da tempo, è ancora il fico d’india di San Cono il re di Sicilia! A pochi passi da Caltagirone, San Cono è noto per essere il paese produttore ed esportatore di questo esotico e gustoso frutto che qui si distingue per dimensioni, colore e dolcezza. Ogni anno ad Ottobre viene dedicata al fico d’india una sagra, la più importante del paese, durante la quale questo prodotto locale, orgoglio di tutti i cittadini, viene promosso insieme agli altri prodotti tipici. Una ghiottoneria da non perdere.


POSIZIONE GOOGLE MAP





Se questo articolo ti è stato utile, metti un like (te ne saremo grati) e condividilo con i tuoi amici.


52 visualizzazioni0 commenti